clock-g0cd643f0c_1920

IND4.0 PROROGA CERTIFICAZIONI 2022

Il Senato ha votato a favore della fiducia posta dal governo sul decreto Mille proroghe. Il testo definitivo è lo stesso di quello approvato dalla Camera. Dopo aver incassato la fiducia della Camera, il provvedimento (DL 228/2021) ha ottenuto al Senato l’approvazione definitiva. Vediamo in sintesi una delle principali misure del decreto, di nostro diretto interesse.

Art. 3 quater

Proroga dei termini per la consegna dei beni ordinati entro il 31 dicembre 2021 ai fini della fruizione del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali.

All’articolo 1 della legge 30 dicembre 2020, n. 178, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1054, le parole: ovvero entro il 30 giugno 2022  sono sostituite dalle seguenti: ovvero entro il 31 dicembre 2022;

b) al comma 1056, le parole:  ovvero entro il 30 giugno 2022  sono sostituite dalle seguenti:  ovvero entro il 31 dicembre 2022.

La scadenza della certificazione IND4.0 per i beni strumentali acquistati nel 2021, per i quali sia stato versato un acconto di almeno il 20% del costo del bene e da certificare entro il 30/06/2022, una data considerata troppo stringente a causa dell’attuale difficoltà al reperimento delle materie prime e soprattutto delle componenti elettroniche, è stata posticipata come indicato sopra al 31/12/2022. Grazie anche alle molte associazioni di settore che avevano sollevato il problema e richiesto una proroga.

Le aziende con tali requisiti quindi potranno godere delle percentuali relative al credito d’imposta stabilite dal Piano Transizione 4.0 del 2021, ossia il 50% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro e 30 % da 2,5 fino a 10 milioni di euro, certificando i beni entro il prossimo 31 dicembre 2022.

Contattaci per capire quali sono i benefici 2022 per le aziende che acquisiscono beni strumentali e come accedere al credito d’imposta. Forti di una solida esperienza, maturata dal 2017, negli ultimi anni abbiamo aiutato decine di imprese ad ottimizzare i costi di produzione e ad evolversi in industria 4.0 

 

 

Condividi:
Condividi su linkedin
LinkedIn

Esplora altri articoli